8 marzo 2018

IL CICLO ARRIVA PER TUTTE

Dai primi messaggi della mattina che sto ricevendo mi giunge voce che oggi sia la festa della Donna. 
Bene! Ma non benissimo! Non sono una che ama avere un giorno per festeggiare le cose, per esempio, fosse per me festeggerei il mio compleanno anche per una settimana di fila, ma vuoi che a qualcuno freghi proprio un cazzo, vuoi che di regali se arrivata a quasi trent'anni se te ne arrivano due ed è già tanto, quindi muta e porta a casa. Vuoi che non ricevi nemmeno un dolce (nemmeno un biscotto) con sopra una candelina da spegnere e vuoi che molti affetti ormai non sai nemmeno che siano, e allora pensi "fanculo pure il compleanno, festeggio quando voglio!". Così, come per il mio compleanno, decido di non voler date programmate per festeggiare nulla, festeggio quando ho voglia e quando le cose mi girano bene. Comunque dicevo, oggi dicono sia la festa della donna, già una decina di donne mi hanno mandato gli auguri, alcune che nemmeno conosco, ma forse fa parte del gioco. Non ho mai festeggiato la festa della donna, perchè non la trovo da festeggiare. Per carità, non sono una che sputa sopra alle tante battaglie che nei decenni passati molte donne hanno affrontato eh, non sono così stronza dai, ma trovo difficile trovarmi con le altre donne forse è questo il punto. O magari sono solo io? Nahhh!

Dai, ammettiamolo con noi stesse, a meno che non si abbia un'amica del cuore (che poi se stiamo a vedere pure a quella ci sarebbero tante cose da dire, ma poi si resta muti), noi donne sparliamo, ed anche tanto! Posso lanciare una lancia in mio favore e dire che io non sia così, ma sbaglio perchè so per certo che qualche volta io abbia spento il cervello prima di parlare, capita a tutte. Alcune si pentono, altre ci mangiano sopra e si inventano chissà quale cattiveria per denigrare quella povera mal capitata che magari a noi non ha fatto nulla, ma che ad esempio aveva quel qualcosa di sbagliato in quel preciso momento. O magari sono solo io? Nahhh!

Noi però siamo anche quelle del "Non so cosa voglio". Ci etichettano così, eppure mica siamo le sole. Ok, forse abbiamo alti, medi e bassi, siamo lunatiche, siamo indecise, abbiamo paura, alle volte abbiamo il fanculo più veloce del west, siamo quelle del "non so cosa mettere" ma abbiamo l'armadio pieno di vestiti, siamo quelle del "cinque minuti ed arrivo" ma ancora dobbiamo farci la doccia, depilarci, truccarci, scegliere i vestiti, cambiarli almeno tre volte e dirci alla fine "sembro una suora così!" e poi metterci a piangere perchè non abbiamo vestiti, siamo altalenanti. O magari sono solo io? Nahhh!


Siamo dei mostri quando il ciclo deve arrivare, i due giorni prima ci potremmo mangiare pure la carcassa di un animale e guardando brutto l'avvoltoio farlo scappare piangendo. Il giorno in cui arriva saremmo capaci di uccidere qualcuno solo perchè ci ha detto "calmati un attimo". Cosa. Hai. Detto? Perchè uomini, dovete sapere che quella frase, quel "stai calma" ci fa mandare il sangue al cervello e nella testa ci partono tanti di quei modi per uccidervi che un serial killer deve solo stare muto. Che poi quando passa e ci sentiamo dire in modo pacifico, con le orecchie basse e la coda tra le gambe, "il ciclo ti è finito?" pensiamo subito "ma che cazzo vuoi! ed anche se fosse? mica sono una iena!" dimenticandoci come abbiamo trattato da zerbino gli altri. O magari sono solo io? Nahhh! 

Oggi è la festa della donna. Così ho capito. Oggi in tante festeggeranno. Oggi Stasera molte donne non saranno donne. Molte donne faranno talmente tante figure di merda che ci vergogneremo di essere noi stesse donne. Stasera le donne  non avranno mariti, o meglio, alcune donne non avranno mariti. Saranno quelle che sbaveranno attaccate a dei corpi di giovani uomini che potrebbero avere l'età dei loro figli. Sono donne che perdono il controllo. Sono donne che dicono di andare a festeggiare loro stesse. Sono donne che non sanno cosa dicono, o meglio, lo sanno eccome, forse è questo che fa paura. O magari sono solo io? Nahhh!

Stasera, che vi trasformiate in vampire assatanate di carne giovane, che andiate a cena con le amiche (a cena con le amiche is the new "andiamo poi a vedere gli spogliarellisti"), che decidiate di andare da sole a vedere un film, che restiate a casa sul divano con il pigiama in flanella dentro alle calze, la copertina, la tisanina, la maschera idratante in visto "perchè è la mia festa e voglio trattarmi bene" ricordate una cosa, siamo tutte uguali anche se lo negheremo fino alla morte. Che noi siamo delle femministe convinte, che siamo quelle del "il pelo me lo tengo lungo", che siamo quelle a cui piacciono le donne e bleah gli uomini, che siamo quelle che la parolaccia è un mantra, che siamo quelle che "il mio idolo è Damy Moore" ed il toy boy me lo porto nella pochette che mi ha prestato Enzo Miccio, una cosa dovete sapere, prima o poi, il ciclo arriva per tutte, o quasi!
Share:

Nessun commento

Posta un commento

Ben arrivato nel mio blog, spero sia di tuo gradimento, se ti va lasciami un commento che sarò lieta di leggere ed a cui risponderò con piacere. Buona visita.

© LULLABY FOOD&PROPS | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig