18 gennaio 2018

"CHE BRAVA MAMMA CHE SEI!" E DITELA STA CAZZO DI FRASE CHE NESSUNO VI UCCIDE!


Scrivo questo post mentre mi sto divorando un pacchetto di tuc al formaggio da cento grammi, che io avrei detto essere almeno cinquecento. Scrivo questo post mentre sono in fase premestruale. Scrivo questo post dopo aver pubblicato un post su facebook che ha scatenato le esperienze di un sacco di mamme che mi seguono e che io tanto apprezzo, specialmente per i consigli datomi. Scrivo questo post perchè sono mamma di un bimbo di tre anni e scrivo perchè sfogandomi con le parole riesco a trovare la calma in me stessa. Essere mamma al giorno d'oggi (cazzo sembro proprio vecchia usando questa frase, ma ho solo ventinove anni) non è semplice. E non lo era nemmeno prima, voi mi direte. Io dico però che oggi lo è molto di più. Come vi ho detto, ho un nano (sì! lo chiamo così e mi piace farlo!!) di tre anni, compiuti pochi giorni fa, che è a tratti tranquillo come Maria Teresa ed a tratti più schizzato di Joker ed Harley Quinn messi in gabbia insieme ad una scimmia isterica. Lo cresco nel migliore dei modi, non sono una che ama le punizioni e quando capita di dovergli dare uno schiaffo ammetto di correre poi in bagno e frustarmi come Silas nel film Il codice da Vinci. In questo periodo stiamo attraversando la fase del "Non mi piace". Ovvero, durante i pasti, ogni cosa gli si proponga dopo averla guardata dice che non gli piace, senza assaggiarla, solo alla vista. Secondo me ha poteri paranormali a me sconosciuti. Fatto sta che non mangia nemmeno le cose basi che solitamente mandava giù. Non che fosse una bocca gourmet eh! Mangiava, e vi faccio l'elenco, giusto qualcosina, come la pasta in bianco, il parmigiano, il prosciutto, le polpette di pollo con verdure, la pizza, il riso in bianco, le gallette di riso, i crackers, la minestrina con il brodo ed altre due o tre cosine. Ora il buio! "Non mi piace!". Oh e se non gli piace che tu fai? Lo ingozzi? No! Anche se per alcuni funziona o si tratta solo delle oche, ma poi come ti cresce sta creatura, col trauma del cibo? Fai l'aeroplanino? Eh! Ci provi e poi? Finisce che ti dirottano l'aereo e lo mangi poi te. Gli fai la macchina nel piatto usando la pappa? Dai che magari ci sta! Ed invece no! Lui voleva la casa di Oso, che tu oh, lo sai com'è fatta sta cavolo di casa? E soprattutto chi è Oso?? Poi provi a farla come la fanno a scuola. E lui, "Ma mamma non è così". Allora il giorno dopo chiedi alla maestra come la fanno a scuola e la maestra dice che non fanno cose speciali, ed allora lì ti sorge il dubbio! Tuo figlio ti stava prendendo per il culo o la maestra non vuole svelare il suo segreto, che nemmeno Gollum con l'anello del potere?? Quindi tu, arrivi a fine pasto sfinita. Lui non ha mangiato nulla. Il pavimento è pieno di briciole di pane per ogni forma che gli hai fatto prendere, il tuo piatto è freddo e sei talmente sfigata che se lo metti nel microode questo ti scalda solo il piatto e non quello dentro, che alla fine esci sconfitta da ogni cosa. Poi però, fuori casa succede il miracolo! La perfezione si impossessa di tuo figlio. E' tranquillo. Mangia. Non fa capricci, tranne al supermercato, che lì lo ammetto, mi porto sempre dietro un cartellino con scritto "In vendita" ed il relativo prezzo, ma ahimè nessuno me lo prende. E' un bravo bambino. E' buono. E' educato. E' gentile. Tu sei felice perchè ti chiedi se sia culo o se davvero sei brava ed arrivano poi loro che "Oh ma che bravo bambino che sei!" e tu sorridendo ringrazi. Ed è li che sbagliate! Perchè non è il bambino che è bravo! E' la madre che è brava e si fa un culo tanto affinchè Voi usiate certe frasi. Perchè non sapete cosa c'è dietro. Non conoscete la solitudine che a volte ci travolge, lo stress che porta crescerlo ed alzarsi quasi ogni ora la notte per cercare di togliergli il pannolino ed affichè non si faccia la pipì addosso ed evitare quindi di avere una pila di lenzuola, mutande e pigiami da lavare il giorno successivo. Non sapete il numero di volte che in casa si ripete la frase "Come si dice?" per poi sentire lui dire "Per favore" e quindi sembrare una famiglia di pazzi. Poi ci sono quelli che ci sono passati prima di te e pretendono di dirvi come crescere vostro figlio, fino quasi a farvi sentire inadeguati dicendo cose che mettono a dura prova la vostra idea del fatto che secondo voi lo state crescendo bene. Loro arrivano e vi calpestano! Non permettete loro di farlo! Non conoscono, o meglio non ricordano, i pianti dovuti allo stress quando dopo mille capricci si addormenta e voi potete respirare, magari farvi una doccia con calma e scoprire che sotto la doccia state piangendo perchè essere mamma è una delle cose più dure al mondo. Quindi care mamme, quando uno vi dice "Ma che bravo bambino" ricordate che la frase corretta dovrebbe essere "Che brava mamma!". E ditela sta cazzo di frase, perchè a noi mamme serve sapere che stiamo facendo un buon lavoro, non datela per scontato! E qua chiudo, dopo aver magiato il pacchetto di tuc iniziale, mezzo pacchetto di patatine, una banana, due caramelle ed una tazza di thè. Eh nulla, la dieta si continua domani. Tra poco vado a dare un po di pugni e calci al corso di kickboxing, state lontani! 

Memorie di una mamma ventinovenne
Share:

3 commenti

  1. Ohh Soribel...io qui leggo solo un infinita dolcezza,tranquilla stai facendo un bellissimo lavoro😉le crisi in bagno capitano, io faccio così cerco di farmi meno storie possibili in testa se serve un rimprovero o sculacciata la do' cercando di nn colpevolizzarmi xké cmq lo faccio sempre x il loro bene e poi le chiacchiere delle "altre" cerco di farmele scivolare addosso,alla fine decido io (e mio marito) cosa è giusto ono x i miei bambini😀 cmq ti stimo e sei una grande anche nel fatto stesso di trovare il coraggio di scrivere questo😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei dolce francesca! grazie davvero! :)

      Elimina
  2. Alzo le mani.
    Sei la me in versione "mamma del Monferrato" anziché Langarola.
    I pensieri che mi scorrono nella testa millecinquecento volte al giorno, li hai riassunti tu qui in questo post.
    Tanta stima.
    Davvero.
    Un abbraccio immenso!

    RispondiElimina

Ben arrivato nel mio blog, spero sia di tuo gradimento, se ti va lasciami un commento che sarò lieta di leggere ed a cui risponderò con piacere. Buona visita.

© LULLABY FOOD&PROPS | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig