27 giugno 2016

CAROTE AL FORNO CON RUCOLA NOCCIOLE E MANDORLE TOSTATE



Ho la ricetta, gli ingredienti, le foto, ma il vuoto totale su come iniziare questo post. Non credo sia arrivato quel periodo dell'anno in cui mi viene il blocco della blogger, perchè comunque di ricette da fare ne ho, manca solo il materiale iniziare per scrivere qualcosa di sensato, interessante e con una minima parvenza di interesse. Umh.. Oh, giuro che non so che dirvi, fa caldo! Giusto no, quando non si sa che argomenti trattare si parla del tempo, no? Fa caldo. Ah, l'ho già detto? Bene! Ma che ne dite se passiamo subito alla ricetta e non se ne parli più?


Carote al forno con rucola, nocciole e mandorle tostate
Ingredienti per due persone:
400 gr di carote baby (per capirci, quelle con il ciuffo)
100 gr di rucola
30 gr di mandorle
30 gr di nocciole
rametti di timo
rametti di rosmarino
uno spicchio d'aglio
olio extra vergine d'oliva
sale
pepe nero

Procedimento:
Pulite le carote e privatele del ciuffo, incidetele nel senso della lunghezza e mettetele in una ciotola, conditele con olio, sale, pepe nero e lo spicchio d'aglio schiacciato. Accendete il forno in modalità grill a 180°C e cuocete le carote aggiungendo gli aromi, rosmarino e timo, girandole spesso, per circa 10/15 minuti. In un padellino fate tostare le nocciole e le mandorle, mettetele poi da parte. Prendete un grosso piatto da portata e metteteci sopra la rucola (conditela prima), successivamente le carote, fredde, le nocciole e le mandorle. Portate in tavola e servite, il piatto risulta fresco, ovviamente croccante e pieno di gusto!


"Le cose più belle della vita
o sono immorali
o sono illegali
oppure fanno ingrassare!"
G.B. Shaw
Share:

24 giugno 2016

TIRAMISU' ESTIVO ALLE FRAGOLE, SENZA UOVA



Avete presente quella stagione che dovrebbe, così dicono, arrivare subito dopo la primavera? Sì, quella in cui fa un caldo tremendo, l'umidità è alle stelle, l'afa non ci fa dormire ed arrivano le zanzare? Sì, ve la ricordate? Io, al momento qua tra le colline e la pianura del Monferrato proprio non la vedo, o meglio, si fa vedere giusto quando ha voglia lei, perchè qua più che d'inizio estate si può benissimo parlare di fine estate, quando iniziano i primi temporali e l'estate finisce, bhè qua non è mai iniziata, ha fatto solo della grandissima pioggia. La cosa per carità mi sta benissimo, amo tantissimo la pioggia, ma l'estate? Il suo caldo, le sue temperature, il costume da bagno, il mare, la sabbia, il sole che ti fa scottare, io le voglio queste cose. Come voglio anche le ricette estive, quelle fresche, quelle in cui ti scordi che in casa hai forno e fornelli, quelle in cui non cuochi nulla, quelle che fai in pochi minuti, quelle voglio. Oggi vi propongo la mia prima ricetta fresca in collaborazione con Dalani, perchè sì forse forse anche qua l'estate è arrivata!


Tiramisù alle fragole senza uova
Ingredienti per due persone:
200 gr di fragole
150 gr di mascarpone
2 cucchiai di zucchero a velo
30/40 ml di latte intero (sono andata ad occhio)
12 savoiardi
1/2 bicchiere di succo di fragole
1/2 bicchiere di acqua
foglie di menta

Procedimento:
In una ciotola mescolate per bene il mascarpone, lo zucchero a velo ed il latte fino ad ottenere una crema soffice e spumosa. Pulite le fragole, privatele delle foglie ed asciugatele per bene con la carta assorbente, tagliatele poi a fettine. In una ciotolina unite il succo di fragole con l'acqua ed usate il composto per bagnate i savoiardi. Iniziate a comporre il dolce facendo una base di biscotti, successivamente la crema al mascarpone, le fragole e qualche fogliolina di menta, continuate così anche per il secondo strato. Io ho composto i tiramisù con un totale di sei savoiardi per porzione. Il dolce risulta freschissimo e della giusta dolcezza, se volete renderlo più accattivante nel gusto consiglio di aggiungere alla crema qualche goccia di rum. Mettete il dolce in frigorifero e servite dopo un paio d'ore. Io non ho resistito, dopo un'ora lo mangiavo! Buonissimo!!



"Estate è: 
lavarsi con il mare
ed asciugarsi con il sole"
Share:

22 giugno 2016

COMFORT FOOD, GNOCCO FRITTO VELOCE



Esistono piatti che ci riempono il cuore, non credete anche voi? Quei cibi che se mangiati in un momento di sconforto ci fanno tornare il buon umore sin dal primo boccone. Io credo a questa cosa e non perchè sia cuoca, ma perchè credo davvero che il cibo faccia bene a tantissime cose, cuore e anima in special modo. Vengono chiamati Comfort food, ed il mio è lui, lo Gnocco fritto mangiato con i salumi. Ricordo ancora la prima volta in cui l'ho mangiato, ero a Parma, il mio babbo ci aveva portati nella sua terra e ci aveva fatto scoprire questo posto meraviglioso, pieno di verde, torrenti colmi di acqua cristallina in cui potevi farti il bagno e poi questa carinissima osteria, situata sui binari di una vecchia fermata del treno ormai abolita. Il locale era un incanto e il dehor magnifico. Qua per la prima volta mangiai il piatto che da allora divenne il mio cibo per l'anima, ma non certo per le coronarie ed il colesterolo! Capita che si sia confusi, non si sappia più dove mettere tutti i pensieri che ti frullano per la testa ed allora ti metti ad impastare, ma hai talmente tanta fretta che non puoi, o meglio, non vuoi attendere la lievitazione di ciò che vorresti mangiare. Quel tuo piatto, quel tuo comfort food che vuoi all'istante e che non puoi attenderlo troppo se no lo sconforto aumenta ed allora ne dovresti preparare quantità industriali e non basterà, perchè in quel momento poi avrai voglia di dolce ed il dolce non ce l'avrai e ti toccherà farlo, ma io ho la soluzione. La soluzione per il mio comfort food, il cibo che mi ripara l'anima, è la farina auto-lievitante!


Gnocco fritto con salumi
Ingredienti per circa 30 pezzi:
300gr di farina auto-lievitante
100ml circa (io sono andata ad occhio) di acqua
5gr di sale
olio di semi per friggere
salumi misti per accompagnare

Procedimento:
Veloce, facile e buono! Prendete una ciotola capiente, versateci la farina, formate la classica fontana ed al centro mettete l'acqua ed il sale, mescolate ed impastate, se vedete che non si impasta aggiungete poco per volta dell'acqua, viceversa la farina. Impastate fino a formare una palla solida, con l'aiuto del mattarello stendetela per bene, circa 4/5mm, tagliatela a forma di rombo con una rotella e friggete nell'olio caldo che avrete messo in una pentola dai bordi alti. Cuocete e fate dorare da entrambi i lati, vedrete subito la pasta gonfiarsi, servite poi caldi o freddi con dei salumi a vostra scelta, consiglio ovviamente il prosciutto crudo. Più facile e veloce di così, che volete? Buon appetito! 


"I baci non durano,
saper cucinare sì!"
George Meredith
Share:

6 giugno 2016

PALLINE DI COCCO E RICOTTA, LA MIA PRIMA RICETTA



Ma voi ve lo ricordate il primo piatto, la prima ricetta o il primo dolce che avete fatto da soli, senza l'aiuto di nessuno? Io sì e ricordo che ero piccola. Ricordo che quel giorno ero a scuola, frequentavo le elementari ed era un giorno di festa per noi, facevamo la Festa della scuola, avremmo mangiato e giocato tutto il giorno. Ricordo che la maestra ci aveva dato dei compiti da fare, dovevamo organizzare molte cose noi bambini ed io ne ero entusiasta. Per via del fatto che io ero figlia di una cuoca mi era stato affidato il compito di trovare delle ricette facili, veloci e che non necessitavano di cottura. Mi ero messa alla ricerca sin da subito, e dire che odiavo fare i compiti non ero molto portata allo studio, anche se poi alle superiori la maturità l'ho passata molto brillantemente con un bel novanta, ma quelli sono dettagli. Ero emozionata a sapere che le ricette che avrei proposto sarebbero state realizzate da me e dai miei compagni, all'epoca avevo nove anni e potete capire la mia emozione nel fare una cosa tanto diversa e nuova. Mi presentai quel giorno dalla maestra con un libricino formato da quattro pagine cartonate, erano fogli strappati da un giornaletto di barbie e in quelle pagine avevo selezionato le "mie" ricette, la mia mamma mi aveva portato un sacchetto della spesa con tutti gli ingredienti necessari. Quella mattina la maestra mi aiutò a pesare gli ingredienti e poi mi disse "Ok, ora fai tutto tu, io controllo che non sbagli". Presi in mano una ciotola e preparai la mia prima ricetta.



Palline al cocco e ricotta
Ingredienti per 35 palline:
250gr di ricotta
100gr di zucchero a velo
200gr di cocco grattugiato più quello per guarnire

Procedimento:
La ricetta è di per sè banale, come avete ben letto l'ho fatta la prima volta a nove anni, quindi vi consiglio di farla magari assieme ai vostri bimbi. In una ciotola capiente ammorbidite con una spatola la ricotta, aggiungete poi lo zucchero a velo ed infine il cocco (se vedete che non si amalgamano assieme aggiungete cocco), mescolate per bene finchè non si uniranno tra di loro tutti gli ingredienti e poi ricavatene delle palline non troppo grosse, passatele poi nel cocco e mettetele a riposare in frigo per circa trenta minuti prima di servire. Si conservano per tre giorni, se riuscite a resistere.



"Il solo modo di imparare a cucinare,
è cucinare"
Alice B. Toklas
Share:

1 giugno 2016

ORECCHIETTE AL BURRO DI SANTOREGGIA SU FONDO DI SALSA ALLA RUCOLA


 

A volte ritorno, tra impegni di lavoro, casa, recupero mobili e commissioni varie ritorno poi al mio amato blog che ultimamente mi sta dando tantissimo. Dallo scorso post sono passati quasi quattro settimane e mi riprometto ogni volta di essere più presente e di ricominciare a fare visita anche agli altri blog, ma ogni mia promessa in merito poi svanisce e tutto passa in secondo, terzo piano. Questo appuntamento però non lo si può saltare, si parla ancora di #Seguilestagioni e del favoloso gruppo che Antonella ha creato e che continua a crescere e a dare consigli a tutti su come fare la spesa usando il calendario delle stagioni, per mangiare sempre cose sane e soprattutto di stagione, se poi trovate molte cose da noi indicate a km zero meglio ancora. L'obiettivo del gruppo alla fine è questo e a parer mio serve anche per valorizzare i beni del nostro territorio. Oggi io vi propongo una ricetta super facile e veramente gustosa.



Orecchiette al burro di santoreggia su fondo di salsa alla rucola
Ingredienti per due persone:
180gr di orecchiette
50gr di burro
rametti di santoreggia
50gr di rucola
olio extra vergine d'oliva q.b.
sale q.b.

Procedimento:
Per prima cosa cuocete le orecchiette in acqua bollente, per la cottura regolatevi seguendo il tempo di cottura indicato nella confezione ed il vostro gusto. Lavate la rucola, mettetela nel bicchiere del mixer ed iniziate a frullarla aggiungendo a filo l'olio, aggiungete olio fino ad ottenere una crema liscia e quando vedete che la rucola inizia ad essere a pezzetti fini, salate per ultimo a piacere. In un padellino fate sciogliere il burro assieme alle foglie di santoreggia che daranno un profumo inebriante. Scolate la pasta ed impiattate. Stendete il fondo di rucola con un cucchiaio, poi la pasta ed infine un po di foglioline di santoreggia. Servite le orecchiette calde e se volete con un tocco di parmigiano, ma fidatevi sono buonissime anche senza.


Il gruppo di blogger Segui le stagioni è così composto:

Ultimissime dal forno – Anna
Pensieri e pasticci - Simona
S&V a colazione – Veronica
Sento i pollici che prudono – Adrialisa
GiardiNote – Chiara
Due bionde in cucina – Sabina
Lullaby Foodprops – Soribel
Vita da fata ignorante – Silvia
La gallina Rosita – Lucia
Alisa Design, Sew and shabby chic – Annalisa
Lismary’s cottage – Lisa
Coccola Time – Enrica
Coscina di pollo – Susy
MyRoseinItaly – Manuela
Le passioni di Antonella - Antonella

Potete seguirci, oltre che sui vari blog nei vari Social:
Instagram con l'hashtag #seguilestagioni

Vi lascio con la lista delle stagionalità, salvatela e fate la spesa con prudenza!





Share:
© LULLABY FOOD&PROPS | All rights reserved.
Blog Design Handcrafted by pipdig