7 settembre 2010

Ricordi di bambina: Temi d'amore tra i banchi di scuola

Il cartone animato che come tanti altri ha segnato la mia infanzia è stato:


TEMI D'AMORE TRA I BANCHI DI SCUOLA

Yumi è una ragazzina di dodici-tredici anni, che frequenta la prima media. Suo amico da sempre è Hiroshi, figlio dei vicini. E sarà lui a portare il primo scompiglio nella vita di Yumi, a farla accorgere di essere ormai un'"adolescente", con tutti i problemi che questo comporta. Infatti, alla domanda "c'è già una ragazza che ti piace?" che Yumi gli pone per conto della sua amica Rica, Hiroshi inaspettatamente risponde: "Sei tu". E qui cominciano i guai: Yumi, dopo aver fatto pace con Rica che si era sentita tradita, deve infatti capire se anche lei è innamorata di Hiroshi, e dargli una risposta. E quale migliore occasione se non la prima gita scolastica? Anche perché, nonostante Hiroshi sembri un altro, anche ora che è l'idolo delle compagne di Yumi, in realtà è sempre lo stesso, e solo quando lui indossa di nuovo gli occhiali, che aveva abbandonato alle medie per le lenti a contatto, Yumi ritrova il suo amico di sempre, e con un timido bacio suggella l'inizio di qualcosa di più…

Adoro questo cartone animato, è molto bello e romantico (bè come lo erano i cartoni di una volta). Da un'amicizia nasce l'amore..e tutto viene sconvolto!!! *.*

Certe volte è dura questa realtà
E così tu ne parli agli amici
Tra i banchi di scuola
Anche per loro lo sai
Il mondo è più ingarbugliato che mai
Ma l'amore bussa già e tutto migliorerà
Temi d'amore tra i banchi di scuola
Mentre il cielo vola e va
La gioia di non sentirsi più sola
Luci di felicità
Voglia di correre insieme di ridere pieni di complicità
Attimi magici da condividere senza tempo e senza età
Tra i banchi di scuola…"

Share:

Nessun commento

Posta un commento

Ben arrivato nel mio blog, spero sia di tuo gradimento, se ti va lasciami un commento che sarò lieta di leggere ed a cui risponderò con piacere. Buona visita.

© LULLABY FOOD&PROPS | All rights reserved.
Blog Layout Created by pipdig